Rally Il Ciocco 2013: tutto nuovo con uno sguardo al passato
07/03/2013

Rally Il Ciocco 2013: tutto nuovo con uno sguardo al passato

Il 36° rally Il Ciocco e Valle Serchio, a calendario dal 22 al 24 marzo prossimi, aprirà, come tradizione, il Campionato Italiano Rally, e sarà il primo degli otto appuntamenti del calendario 2013.

E’ un rally del Ciocco completamente nuovo quello uscito dal “laboratorio” organizzativo di O.S.E., costruito con un occhio ai rally del passato: in particolare la prima tappa, che si svolgerà principalmente sabato 23 marzo,  presenta una struttura molto più impegnativa e probante per vetture ed equipaggi, racchiude ben dodici prove speciali per un totale di quasi 120 km cronometrati.

Altra novità di grande rilievo la partenza dalla nota città di Forte dei Marmi, perla della Versilia, la nuova location della cerimonia di partenza, in programma nella serata di venerdì 22 marzo.  La prima tappa parte da Forte dei Marmi alle ore 19.00 con la marcia di avvicinamento al Ciocco.  Sabato 23 marzo alle ore 6.20 nuovo via dal Ciocco e si apriranno le ostilità sportive, con arrivo della giornata al Ciocco alle ore 18.45, dopo circa 120 km di impegni cronometrati.

La seconda tappa prenderà il via domenica 24 marzo alle ore 7.30 con l'arrivo finale, alle ore 13.00, nella piazza principale di Castelnuovo di Garfagnana, il paese natale di Paolo Andreucci, vincitore sulle sue strade anche lo scorso anno, con Anna Andreussi a fianco, e qui a posato il primo mattone per la conquista del suo settimo titolo nel Campionato Italiano Rally.

Il padre Guelfo ha “inventato” il rally nel 1976 e Andrea Marcucci, proseguendo la consolidata tradizione di famiglia, ha preso le redini del rally Il Ciocco e Valle del Serchio nel 1990, con la stessa passione ed impegno. Perché il rally del Ciocco, aldilà del grande prestigio sportivo, rappresenta, per il territorio che interessa, anche un evento di notevole valore economico, grazie alla permanenza nella zona per più giorni di equipaggi e squadre impegnati in gara e dei tanti spettatori, provenienti da tutta Italia, che affollano le prove speciali. Nel tempo il rally del Ciocco si è anche rivelato un ottimo mezzo di promozione del comprensorio della Media Valle e della Garfagnana, che ha aiutato a far conoscere in tutta Europa.